Vigneti

Viognier

Il vitigno Viognier è originario della Valle del Rodano, Francia, dimenticato da molti a causa della bassa produttività.
Produce da noi un vino di difficile reperibilità caratterizzato da acidità contenuta e notevole intensità olfattiva.
Laddove vinificato in purezza, esprime risultati assolutamente degni di nota.

Procanico

O Trebbiano rosa, secondo alcuni studi, il suo nome deriva dal latino PRAECANERE, incantare. E’ stato tra i vitigni più utilizzati in passato per i vini bianchi della Maremma Toscana, di grande personalità. All’aspetto ha un colore giallo paglierino e intenso, delicato e fruttato all’olfatto, mentre alla degustazione risulta secco ed armonico.

Metodo Charmat lungo

E’ il compromesso tra il metodo Charmat e il metodo classico. Il vino resta sui lieviti almeno 9 mesi e nell’autoclave sono presenti degli agitatori a elica che rimettono in sospensione i sedimenti della fermentazione. In questo modo è possibile ottenere un vino con un profilo sensoriale più complesso, caratterizzato da un aroma di lieviti più accentuato e dal perlage più fine, ottenendo così uno spumante dalla struttura più importante.

Rosato stile provenzale

Caratterizzato dal tipico colore rosa tenue, da un intenso profumo di macchia mediterranea e da un’inconfondibile nota salina. Frutto della vinificazione in bianco di uve Sangiovese e Merlot, presenta un bouquet delicato e agrumato, con sentori fragranti di piccolo frutti rossi e una piacevole acidità che conferisce freschezza ed eleganza.

Sangiovese/ Merlot

I nostri sangiovese traducono magnificamente le potenzialità delle nostre colline. Dal colore rosso rubino intenso fino al Granato, gli aromi del sangiovese sono prevalentemente orientati ai frutti rossi e neri tra cui spiccano amarena, mora e prugna. Nel sangiovese del “Poggio al Vento” si possono percepire sentori di ribes, fragola, ciliegia, lampone e mirtillo. Caratteristica fondamentale del nostro sangiovese è l’eleganza, il profumo, la persistenza.

Sangiovese/ Alicante

Uva a bacca rossa dal colore straordinario, da noi ha foglia medio-grande, grappolo medio-grande, acino medio, sferico con buccia spessa ricoperta di abbondante pruina, di colore giallo uniforme. Grazie alla straordinaria composizione ed esposizione del terreno, produce un vino speziato con sentore di pepe verde e profumi indimenticabili.

Cabernet/ Petit Verdot

Il Petit Verdot, originario della zona del Médoc, Francia, è un vitigno molto esigente per la maturazione. La vendemmia è a metà ottobre perché le caratteristiche del Petit Verdot sono quelle di maturare tardivamente, dando ottimi risultati in zone caratterizzate da clima caldo, molto soleggiato, costantemente ventilato. Il Petit Verdot riesce ad esprimersi in modo davvero eccellente nella nostra azienda. Il vino ottenuto presenta un colore rubino, intensi profumi fruttati, floreali e speziati: molto caratteristico è il tannino intenso ma morbido e vellutato.

Merlot

Il Merlot è considerata una delle varietà nobili del pianeta, di origine bordolese e ormai piantato in tutto il mondo, è dotato di una struttura e di un corpo più pieni. I suoi opulenti aromi possono variare dalla prugna al pan frutto. Il nostro Merlot ha colore rubino con profondi ed intensi aromi di amarena e confetture di frutti rossi maturi e di bosco, tannini equilibrati, notevole struttura, morbidezza giusta e finale persistente e molto lungo.

Colombana

Meglio nota come “Colombana bianca” o “Colombana di Peccioli”. Grappolo medio, conico-piramidale, l’acino ha buccia pruinosa e consistente. Di produzione abbondante, il vino che si ottiene è di colore giallo paglierino, all’olfatto è delicato e gradevole, floreale e fruttato, abbastanza intenso. Al palato è piacevole all’ingresso, caratteristico, con sentori di frutta a polpa gialla, pesca, arancia e rosmarino.

Trebbiano

Vitigno caratterizzato dalla produttività e dalla spiccata acidità, il vino che si ottiene dal trebbiano toscano è giallo paglierino, il profumo è abbastanza intenso e fruttato, il gusto evidenzia un buon equilibrio, fresco e sapido con discreta struttura.

Il ciclo produttivo a Peccioli dell’azienda Le Palaie è un processo che parte dalla vendemmia fino alla produzione dei vini.

Quando il processo di maturazione è al punto giusto, inizia il campionamento e l’analisi chimico sensoriale delle uve per monitorarne le curve di maturazione cosi da individuare il culmine dell’espressione varietale.
Questo segna l’inizio della vendemmia, che avviene manualmente e in cassette prontamente trasportate in cantina per la lavorazione.
Le cassette vengono rovesciate su nastro trasportatore dove si eliminano eventuali foglie e grappoli imperfetti e l’uva viene caricata nella diraspatrice.

La vaslin oscillys è una macchina di nuova concezione che separa gli acini dal raspo per scuotimento e non per battitura garantendo una ottima integrità del chicco che prosegue il suo cammino verso la pigiatrice a rulli di gomma che lo fessura leggermente.
Il pigiato viene raccolto in vaschette di acciaio inox ribaltabili che, sollevate dal fork lift, riempiranno per caduta i nostri troncoconici.
Adesso il mosto, raffreddato attorno ai 20°C, è pronto per essere inoculato con lieviti selezionati secondo le varietà.

La fermentazione durerà circa dodici giorni a temperatura controllata sotto i 28°C durante i quali verranno effettuate le operazioni di estrazione.
Follature manuali con un pistone pneumatico rompono il cappello di vinacce gentilmente fino a ribaltarlo nel mosto in fermentazione più volte al giorno alternate a pochi rimontaggi per la macro ossigenazione necessaria al metabolismo dei lieviti e per evitare sentori di riduzione nel vino.
Quando gli zuccheri sono completamente trasformati in alcool, il vino viene separato dalle sue bucce, e trasferito in nuovi tini dove rimarrà fino al termine della fermentazione malolattica.

L’ affinamento avviene in botticelle di rovere francese della capacità di 225 l e 500 l (barriques e tonnaux) per circa dodici mesi.
Queste sono posizionate in un ambiente totalmente sotterraneo per garantire una ottimale condizione di umidità e temperatura e periodicamente controllate e rabboccate.
Al termine del periodo di affinamento, il vino viene travasato e ricollocato in tini di acciaio mantenendo le singole partite suddivise per varietà e vigneti di provenienza.

Solo adesso, dopo gli assaggi degli enologi che selezioneranno le vasche, viene costituito il blend che formerà i vini.
L’uvaggio così preparato riposerà per ulteriori sei mesi in acciaio per poi essere imbottigliato.
Le bottiglie vengono stoccate su appositi fogli sagomati sovrapponibili o cestoni per proseguire il percorso di invecchiamento e, successivamente, etichettate secondo il mercato di destinazione, confezionate e spedite.

Vigneti
Le Viti
Vigneti Le Palaie
Vigneti Le Palaie